REGISTRATI

LOG IN

L'elettrificazione è una tendenza globale che sta rivoluzionando diversi settori industriali, dalla mobilità alla produzione di energia. Questa trasformazione è guidata dalla transizione verso tecnologie più sostenibili, come veicoli elettrici, energia rinnovabile e dispositivi elettronici ad alta efficienza. Tuttavia, dietro questa rivoluzione si nasconde una crescente richiesta di metalli rari, elementi chiave per la produzione di tecnologie avanzate. In questo articolo, esploreremo l'elettrificazione e la sua relazione con la domanda di metalli rari, analizzando gli impatti e le opportunità che questo megatrend potrá offrire.

I metalli rari sono un gruppo di elementi chimici che includono terre rare come il neodimio, il disprosio e il praseodimio, nonché metalli strategici come il cobalto e il litio. Questi metalli sono essenziali per la produzione di tecnologie avanzate, inclusi magneti permanenti, batterie al litio e catalizzatori. Allo stato attuale non possiamo fare a meno di questi materiali ma la continua ricerca di alternative e di nuove soluzioni probabilmente porteranno all'uso di altri materiali magari piú facili da reperire in natura. 

E' innegabile il fatto che l'elettrificazione ha generato una crescente domanda di metalli rari, in particolare per la produzione di veicoli elettrici e sistemi di stoccaggio dell'energia. I magneti al neodimio-ferro-boro, ad esempio, sono ampiamente utilizzati nei motori elettrici dei veicoli, mentre il litio è un componente chiave delle batterie agli ioni di litio.

Questa crescente domanda di metalli rari ha sollevato preoccupazioni riguardo agli impatti ambientali e sociali legati alla loro estrazione e produzione. Molte miniere di metalli rari si trovano in paesi in via di sviluppo, dove possono verificarsi problemi legati alla deforestazione, all'inquinamento delle acque e ai diritti umani. Senza parlare dei giochi politici che questo trend puó creare con delle conseguenze piú o meno gravi al mercato globale. 

La crescente domanda di metalli rari ha stimolato la ricerca e l'innovazione nel settore minerario e nella tecnologia dei materiali. Gli sforzi per sviluppare alternative ai metalli rari e migliorare il riciclo dei materiali stanno diventando sempre più importanti per ridurre la dipendenza da risorse limitate e mitigare gli impatti ambientali.

Le alternative sono giá disponibili e probabilmente verranno proposte a breve sul mercato:

- I motori a induzione sono una tecnologia alternativa ai motori elettrici a magneti permanenti, come quelli al neodimio-ferro-boro; questi motori utilizzano avvolgimenti di rame e ferro senza l'uso di metalli rari nei magneti.

- I motori lineari sono una tecnologia alternativa ai motori rotativi tradizionali, utilizzati in applicazioni come i treni ad alta velocità (levitazione magnetica -  maglev). Questi motori sfruttano campi magnetici generati da bobine di rame senza l'uso di metalli rari nei magneti. 

- Le batterie al grafene rappresentano una delle più promettenti innovazioni nel settore delle tecnologie di accumulo energetico. Il grafene è una forma allotropica del carbonio, composta da un singolo strato di atomi di carbonio disposti in una struttura bidimensionale esagonale. Le batterie che utilizzano il grafene possono offrire una serie di vantaggi significativi rispetto alle tecnologie tradizionali, grazie alle straordinarie proprietà fisiche e chimiche di questo materiale.

- le batterie al sale, anche conosciute come batterie al sale fuso o batterie al sale fondente, sono una tipologia di batterie che utilizzano sali fusi come elettroliti anziché soluzioni liquide. Questo tipo di batterie è considerato una promettente alternativa alle batterie tradizionali agli ioni di litio, offrendo diverse caratteristiche vantaggiose in termini di sicurezza, durata e sostenibilità.

Indovinare quale sará la tecnologia del futuro che affiancherá o sostituirá la tecnologia attuale, potrebbe essere un gran colpo per qualunque investitore.

Per il momento quello che possiamo dire é che la crescente domanda di metalli rari offre opportunità di investimento e crescita economica. Le aziende che operano nel settore estrattivo e della produzione di tecnologie avanzate possono beneficiare di questa tendenza, così come i paesi ricchi di risorse naturali.

Mentre i settori industriale e dei trasporti accelerano per raggiungere l’elettrificazione ed eliminare la dipendenza dai combustibili fossili, si prevede che la domanda di metalli per l’elettrificazione aumenterà in modo esponenziale. Questo aumento della domanda ha anche creato una serie di problemi economici e di catena di approvvigionamento. Secondo la ricerca di Bloomberg New Energy Finance (BNEF) ci sono tre principali sfide universali che devono affrontare l’offerta di elettrificazione: scarsità, geopolitica e sostenibilità.

Metalli come rame, litio, cobalto e nichel sono essenziali per la produzione di veicoli elettrici e per le tecnologie di energia rinnovabile. Questi metalli sono utilizzati in batterie, motori e altri componenti critici di queste tecnologie. Di conseguenza, la domanda di questi metalli è aumentata in modo significativo negli ultimi anni, spinta dalla crescita del mercato dei veicoli elettrici e dalla crescente adozione di energie rinnovabili.

L’offerta di questi metalli, tuttavia, è limitata e la loro produzione è concentrata in pochi paesi. Ad esempio, circa la metà della fornitura mondiale di cobalto proviene dalla Repubblica Democratica del Congo, mentre la Cina è il più grande produttore di metalli delle terre rare, fondamentali per la produzione di motori elettrici. Questa concentrazione dell’offerta rappresenta un rischio significativo per l’industria dell’elettrificazione, poiché qualsiasi interruzione nella catena di approvvigionamento potrebbe portare alla volatilità dei prezzi e alla carenza di approvvigionamento.

Le priorità nazionali e la geopolitica svolgono un ruolo significativo nel garantire questi metalli, amplificando lo squilibrio tra domanda e offerta. I governi stanno intervenendo per rafforzare la sicurezza dell’approvvigionamento interno; Politiche come l’Inflation Reduction Act (IRA) e l’Accordo di libero scambio (FTA) degli Stati Uniti sovvenzionano una quantità significativa di costi se la materia prima proviene da paesi FTA, creando un meccanismo di prezzo più complesso per questi metalli.
Le dinamiche della domanda e dell’offerta dei metalli per l’elettrificazione hanno implicazioni significative per gli investitori. Gli investitori dovrebbero considerare la concentrazione dell’offerta quando valutano gli investimenti in aziende che producono o utilizzano questi metalli. 

Per rispondere a questa esigenza, Bloomberg ha sviluppato l’Elettrification Metals Index (BELEC), un indice composito che traccia i movimenti dei prezzi di sei metalli chiave: rame, alluminio, nichel, cobalto, litio e zinco. Questi metalli sono essenziali per la produzione di veicoli elettrici, batterie, turbine eoliche, pannelli solari e altre tecnologie di energia rinnovabile.

Ad esempio, il litio e il cobalto sono metalli chiave necessari per la produzione di batterie. L’alluminio è attualmente utilizzato nelle reti di trasmissione e distribuzione, è una parte fondamentale dei pannelli solari e delle turbine eoliche e si prevede che col tempo avrà un utilizzo crescente nelle batterie dei veicoli elettrici grazie alla sua durata e al peso ridotto. Il rame è uno dei metalli fondamentali utilizzati per i cavi e i cablaggi elettrici, è una parte vitale delle tecnologie di energia rinnovabile esistenti ed è ampiamente utilizzato nei veicoli elettrici; i veicoli elettrici richiedono il doppio della quantità di rame rispetto ai tradizionali veicoli con motore a combustione interna.

Si stima che lo zero netto di utilizzo di combustibile entro il 2050 richiederebbe metalli per un valore di 10 trilioni di dollari. 

Per realizzare questa transizione, è necessario un approccio globale unificato per garantire l’approvvigionamento sostenibile dei materiali, una produzione efficiente delle batterie e un efficace trattamento di fine vita. Nel luglio 2023, il Consiglio dell’UE ha adottato l’emendamento al regolamento UE sulle batterie, che definisce la struttura per raggiungere cicli di vita sostenibili delle batterie. È stato uno dei primi grandi quadri ad affrontare la sostenibilità della transizione ed è improbabile che sarà l’ultimo.
I metalli saranno sicuramente una parte fondamentale dell’elettrificazione del nostro mondo. La scarsità, l’approvvigionamento e la sostenibilità saranno probabilmente i temi che tratteremo nei prossimi anni e che faranno muovere l'industria per trovare soluzioni ad ogni problema. 

L’ ETF KraneShares Electrification Metals Strategy (NYSEARCA: KMET) , che replica l’indice Bloomberg Electrification Metals, è fortemente posizionato per catturare la crescente domanda e il valore dei metalli necessari per l’elettrificazione.

Se guadagni con le nostre NEWS e ARTICOLI , fai una donazione per sostenerci e per darci l'entusiasmo di continuare nel nostro progetto.

Il sito è per te gratuito ma se vuoi offrirci una birra , uno spumante o una cena : saremo contentissimi! GRAZIE! 

5 2 Voti
Dai una valutazione a questo articolo
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Subscribe to Social NETWORK

MaXiacO © 2023. All rights reserved.

* Il contenuto e le informazioni pubblicate da altogain.it sia sul nostro sito che sulle nostre piattaforme social non sono consigli di investimento o raccomandazioni per acquistare, detenere o vendere titoli.

* Non siamo responsabili dell'autenticazione del contenuto e / o delle informazioni che sono state pubblicate su qualsiasi canale di comunicazione attraverso il quale il nostro team condivide i contenuti.

* Le informazioni fornite dal team di Altogain.it sono intese esclusivamente a scopo informativo e sono ottenute da fonti ritenute affidabili. Le informazioni non sono in alcun modo garantite e, inoltre, l'accuratezza e la legittimità delle informazioni fornite non vengono verificate. Nessuna garanzia di alcun tipo è implicita o possibile laddove si tentino proiezioni di condizioni future relative ai titoli.

* Non ci sono membri del team di Altogain.it registrati come broker di sicurezza o consulenti per gli investimenti.

* Il team di Altogain.it, i suoi dipendenti, volontari e terze parti prendono parte alle attività di security trading. Nessuno è tenuto a partecipare all'acquisto o alla vendita di opportunità di investimento condivise su nessuna delle piattaforme di Altogain.it. Detti dipendenti, volontari e terze parti investiranno e scambieranno titoli a loro discrezione personale senza preavviso, in qualsiasi momento.
* Altogain.it non è responsabile per eventuali perdite o danni derivanti dall'utilizzo di una qualsiasi delle idee o strategie di investimento.

* Spetta completamente alla discrezione dell'individuo prendere decisioni in merito al trading o all'investimento in titoli.

0
Mi piacerebbe sapere la tua opinione.x