REGISTRATI

LOG IN

Con l’aumento dell’inflazione e il calo della disoccupazione, la Federal Reserve ha dichiarato ieri, 15 Dicembre 2021, che ridurrà il suo sostegno all’economia più rapidamente di quanto era previsto e prevede di aumentare i tassi di interesse tre volte il prossimo anno.

Il presidente della Fed Jerome Powell ha affermato che l’economia statunitense sta crescendo a un “ritmo robusto” anche di fronte ai rischi della pandemia e pensa che la spesa delle imprese e dei consumatori rimarrà forte. Ma poiché è probabile che l’inflazione persista più a lungo di quanto previsto in precedenza dalla Fed, Powell ha affermato che la banca centrale deve affrontare questa minaccia per aiutare l’economia a sostenere la sua espansione.

“Utilizzeremo i nostri strumenti sia per sostenere l’economia e un mercato del lavoro forte, sia per evitare che l’inflazione si consolidi”, ha affermato Powell in conferenza stampa.

In un brusco cambiamento di politica, la Fed ha affermato che ritirerà i suoi acquisti mensili di obbligazioni al doppio del ritmo annunciato in precedenza e che probabilmente li terminerà a marzo. Il calendario accelerato mette la Fed su un percorso per iniziare ad aumentare i tassi già nella prima metà del prossimo anno.

La nuova previsione della Fed che aumenterà il suo tasso di riferimento a breve termine tre volte il prossimo anno è in aumento rispetto a un solo aumento dei tassi previsto a settembre. Il tasso chiave della Fed, ora bloccato vicino allo zero, influenza molti prestiti al consumo e alle imprese, inclusi mutui, carte di credito e prestiti auto.

Questi costi di prestito potrebbero iniziare ad aumentare nei prossimi mesi, sebbene le azioni della Fed non sempre influiscano immediatamente sugli altri tassi di prestito. E anche se la banca centrale alzasse i tassi tre volte il prossimo anno, lascerebbe comunque il suo tasso di riferimento storicamente basso, al di sotto dell’1%.

Il cambiamento di politica riflette il riconoscimento da parte dei responsabili delle politiche della Fed che con l’aumento delle pressioni inflazionistiche, la Fed aveva bisogno di iniziare a restringere il credito per i consumatori e le imprese più velocemente di quanto si aspettassero solo poche settimane prima. La Fed aveva in precedenza caratterizzato il picco di inflazione come un problema “transitorio” che sarebbe svanito man mano che i colli di bottiglia dell’offerta causati dalla pandemia venivano risolti. Il cambiamento è stato segnalato nella testimonianza che Powell ha dato al Congresso due settimane fa.

L’aumento dei prezzi è durato più a lungo di quanto previsto dalla Fed e si è diffuso da beni come cibo, energia e automobili a servizi come affitti di appartamenti, pasti al ristorante e camere d’albergo. Ha pesato molto sui consumatori, in particolare sulle famiglie a basso reddito e in particolare per le necessità quotidiane, e ha annullato i salari più alti che molti lavoratori hanno ricevuto.

Durante la sua conferenza stampa, a Powell è stato chiesto cosa avesse specificamente indotto la Fed a orientarsi verso una politica creditizia più rigida.

“Si tratta essenzialmente di un’inflazione più elevata e di progressi molto più rapidi nel mercato del lavoro”, ha affermato.

Ha riconosciuto la possibilità che l’inflazione non diminuirà come previsto l’anno prossimo.

“C’è un rischio reale ora”, ha detto Powell, “che l’inflazione possa essere più persistente e che possa mettere sotto pressione le aspettative di inflazione, e che il rischio che una maggiore inflazione si radicasse sia aumentato. Penso che parte del motivo alla base della nostra mossa odierna è metterci in condizione di poter affrontare quel rischio”.

Nel complesso, i responsabili delle politiche della Fed hanno previsto che l’inflazione raggiungerà il 5,3% entro la fine dell’anno, in aumento rispetto alla lettura di ottobre del 5%. Si aspettano che l’inflazione rallenti considerevolmente a un tasso annuo del 2,6% entro la fine del 2022. Ma questo è in aumento rispetto alle previsioni di settembre di appena il 2,2%.

I funzionari prevedono che il tasso di disoccupazione scenda al 3,5% entro la fine del prossimo anno, che corrisponderebbe al livello pre-pandemia, quando la disoccupazione era ai minimi da 50 anni.

La Fed sta acquistando 90 miliardi di $ al mese in obbligazioni, in calo rispetto ai 120 miliardi di $ di ottobre, e ha ridotto tali acquisti di 15 miliardi al mese. Ma a gennaio ridurrà quegli acquisti di 30 miliardi di $, a 60 miliardi, e sarà sulla buona strada, ha detto Powell, per terminarli del tutto a marzo.

L’acquisto di obbligazioni ha lo scopo di abbassare i tassi di interesse a lungo termine e incoraggiare più prestiti e spese.

La Fed sta spostando la sua attenzione dalla riduzione della disoccupazione, che è scesa rapidamente a un sano 4,2%, dal 4,8% della sua ultima riunione, e dal contenimento dei prezzi più alti. I prezzi al consumo sono aumentati del 6,8% a novembre rispetto a un anno prima, ha affermato il governo la scorsa settimana, il ritmo più veloce in quasi quattro decenni.

A Wall Street, i prezzi delle azioni sono aumentati gradualmente e poi sono aumentati dopo che la Fed ha rilasciato la sua dichiarazione e Powell ha iniziato a parlare in conferenza stampa. Quando Powell ha concluso la sua conferenza, il Dow Jones Industrial Average era balzato di oltre 300 punti.

Il cambiamento di politica della Fed comporta dei rischi. Aumentare troppo velocemente i costi del prestito potrebbe soffocare la spesa dei consumatori e delle imprese. Ciò, a sua volta, indebolirebbe l’economia e probabilmente aumenterebbe la disoccupazione.

Tuttavia, se la Fed aspetta troppo a lungo per aumentare i tassi, l’inflazione potrebbe andare fuori controllo. Potrebbe quindi essere necessario agire in modo aggressivo per restringere il credito e potenzialmente innescare un’altra recessione.

I funzionari della Fed hanno affermato di aspettarsi un raffreddamento dell’inflazione entro la seconda metà del prossimo anno. 

I prezzi del gas hanno già superato i picchi. Le strozzature della catena di approvvigionamento in alcune aree si stanno gradualmente allentando. E non è probabile che i pagamenti di stimolo del governo, che hanno contribuito a stimolare un picco nella spesa che ha fatto aumentare l’inflazione, ritornino.

Eppure molti economisti si aspettano che i prezzi elevati persistano. Questa probabilità è stata rafforzata questa settimana da un rapporto del governo secondo cui l’inflazione all’ingrosso è aumentata del 9,6% per i 12 mesi terminati a novembre, il ritmo più veloce su base annua mai registrato fino al 2010.

I costi delle abitazioni, compresi gli affitti degli appartamenti e il costo della proprietà della casa, che costituiscono circa un terzo dell’indice dei prezzi al consumo, sono aumentati a un ritmo annuo del 5% negli ultimi mesi, hanno calcolato gli economisti di Goldman Sachs. 

I prezzi dei ristoranti sono aumentati del 5,8% a novembre rispetto a un anno fa, un massimo di quasi quattro decenni, riflettendo in parte l’aumento dei costi salariali. Tali aumenti probabilmente manterranno l’inflazione ben al di sopra dell’obiettivo annuale del 2% della Fed il prossimo anno.

Alla sua conferenza stampa, Powell ha osservato che i consumatori, il principale motore dell’economia, rimarranno su basi solide e prevedono che le spese per i consumi personali saranno piuttosto elevate nell’attuale quarto trimestre dell’anno.

 

Se guadagni con le nostre NEWS e ARTICOLI , fai una donazione per sostenerci e per darci l’entusiasmo di continuare nel nostro progetto.

Il sito è per te gratuito ma se vuoi offrirci una birra , uno spumante o una cena : saremo contentissimi! GRAZIE! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Subscribe to Social NETWORK

MaXiacO & MLego © 2021. All rights reserved.

* Il contenuto e le informazioni pubblicate da altogain.it sia sul nostro sito che sulle nostre piattaforme social non sono consigli di investimento o raccomandazioni per acquistare, detenere o vendere titoli.

* Non siamo responsabili dell’autenticazione del contenuto e / o delle informazioni che sono state pubblicate su qualsiasi canale di comunicazione attraverso il quale il nostro team condivide i contenuti.

* Le informazioni fornite dal team di Altogain.it sono intese esclusivamente a scopo informativo e sono ottenute da fonti ritenute affidabili. Le informazioni non sono in alcun modo garantite e, inoltre, l’accuratezza e la legittimità delle informazioni fornite non vengono verificate. Nessuna garanzia di alcun tipo è implicita o possibile laddove si tentino proiezioni di condizioni future relative ai titoli.

* Non ci sono membri del team di Altogain.it registrati come broker di sicurezza o consulenti per gli investimenti.

* Il team di Altogain.it, i suoi dipendenti, volontari e terze parti prendono parte alle attività di security trading. Nessuno è tenuto a partecipare all’acquisto o alla vendita di opportunità di investimento condivise su nessuna delle piattaforme di Altogain.it. Detti dipendenti, volontari e terze parti investiranno e scambieranno titoli a loro discrezione personale senza preavviso, in qualsiasi momento.
* Altogain.it non è responsabile per eventuali perdite o danni derivanti dall’utilizzo di una qualsiasi delle idee o strategie di investimento.

* Spetta completamente alla discrezione dell’individuo prendere decisioni in merito al trading o all’investimento in titoli.