REGISTRATI

LOG IN

Ultimamente abbiamo trattato il titolo AT&T (NYSE : T) in un altro articolo che parlava dei suoi ottimi dividendi :

 

AT&T : tra innovazione e dividendi

 

 

Oggi vedremo di analizzare l’ultima trimestrale uscita ieri (21 Aprile 2022) e lo spin-off con Warner Bros Discovery (NASDAQ: WBD ).

 

T ha riportato i risultati del primo trimestre 2022 che hanno mostrato un continuo successo nella crescita dei clienti su rete mobile e fibra. Vediamo di riassumere questi risultati dividendoli per settore :

 

Rete Mobile :

  • I ricavi sono aumentati del 5,5% anno su anno a 20,1 miliardi di $
  • I ricavi dei servizi erano 14,7 miliardi di $, in crescita del 4,8% anno su anno, trainato dalla crescita degli abbonati. 
  • I ricavi delle apparecchiature erano 5,4 miliardi di dollari, in crescita del 7,3% anno su anno, grazie all’aumento delle vendite di smartphone più costosi.
  • Le spese operative erano 14,2 miliardi di $, in aumento del 9,5% anno su anno a causa di maggiori costi delle apparecchiature, costi di arresto della rete 3G, maggiori costi di raggruppamento HBO Max, maggiore ammortamento dei costi di acquisizione dei clienti, eliminazione dei crediti governativi CAFII e maggiori costi FirstNet.
  • Il reddito operativo era di 5,9 miliardi di $, in calo del 3,2% anno su anno. 
  • Il margine di utile operativo è stato del 29,2%, rispetto al 31,8% del trimestre di un anno fa.
  • EBITDA è di 7,9 miliardi di $, in calo dell’1,8% anno su anno con un margine EBITDA del 39,4%, in calo rispetto al 42,3% di un anno fa. 
  • Il margine di servizio EBITDA è stato del 53,7%, rispetto al 57,4% del trimestre di un anno fa.

 

Linea telefonica aziendale

  • I ricavi erano 5,6 miliardi di $, in calo del 6,7% anno su anno a causa della minore domanda di servizi voce e dati legacy e della decisione strategica di ridurre l’enfasi sui servizi non core.
  • Le spese operative erano di 4,8 miliardi di $, in calo del 3,7% anno su anno a causa delle continue efficienze dei costi operativi e del minor ammortamento dei costi di adempimento differiti, parzialmente compensati da maggiori costi di ammortamento.
  • Il reddito operativo era di 0,9 miliardi, in calo del 20,5% con un margine sul reddito operativo del 15,2%, rispetto al 17,9% del trimestre di un anno fa.
  • EBITDA è di 2,2 miliardi di $, in calo dell’8,5% anno su anno con un margine EBITDA del 38,3%, rispetto al 39,0% del trimestre di un anno fa.
  • AT&T Business serve quasi 2,5 milioni di clienti, dalle più grandi aziende globali e agenzie governative alle piccole imprese. Più di 675.000 sono gli edifici commerciali che usano la fibra di AT&T, consentendo connessioni in fibra ad alta velocità a circa 3 milioni di sedi dei clienti aziendali. A livello nazionale, oltre 9,5 milioni di sedi di clienti aziendali si trovano all’interno o entro 300 piedi dal loro impianto di fibra.

 

Linea fissa dei consumatori

  • I ricavi erano 3,2 miliardi di dollari, in crescita del 2,0% anno su anno grazie ai guadagni della banda larga che hanno più che compensato il calo dei servizi voce e dati legacy e altri servizi. 
  • I ricavi della banda larga sono aumentati del 6,8% grazie alla crescita della fibra del 24,7%, parzialmente compensata dal calo dei ricavi non della fibra del 5,3%.
  • Le spese operative erano$ 2,8 miliardi, in crescita dell’1,9% anno su anno, in gran parte trainata dai maggiori costi pubblicitari e dall’eliminazione dei crediti governativi CAFII, parzialmente compensati dal minor ammortamento dei costi di adempimento differiti.
  • Il reddito operativo era di 317 milioni di dollari, in crescita del 3,3% anno su anno con un margine sul reddito operativo del 10,0%, rispetto al 9,9% del trimestre di un anno fa.
  • EBITDA è di 1,1 miliardi di dollari, in crescita dell’1,3% anno su anno con un margine EBITDA del 34,3%, rispetto al 34,5% del trimestre di un anno fa.

 

Aspetti operativi di WarnerMedia

  • I ricavi del primo trimestre sono stati di 8,7 miliardi di dollari, in crescita del 2,5% rispetto al trimestre dell’anno precedente, trainato da maggiori ricavi da abbonamento e maggiori contenuti e altri ricavi, parzialmente compensati da minori ricavi pubblicitari. 
  • I ricavi degli abbonamenti erano di 4 miliardi di $, in rialzo del 4,4%, riflettendo principalmente la crescita di HBO Max. 
  • Contenuto e altri ricavi sono stati di 3,1 miliardi di dollari, in crescita del 3,4%, trainato da maggiori ricavi teatrali, maggiori licenze HBO Max e parzialmente compensato da minori licenze TV. 
  • I ricavi pubblicitari erano 1,7 miliardi di dollari, in calo del 3,0% anno su anno a causa di un pubblico lineare più basso e di confronti difficili con l’ambiente politico dell’anno precedente, parzialmente compensato da un aumento degli sport.
  • Le spese di gestione totali sono state di 7,4 miliardi di dollari, in crescita del 13,0% anno su anno grazie a maggiori costi di marketing, nonché maggiori costi di programmazione e costi di vendita incrementali associati agli accordi di compartecipazione alle entrate pubblicitarie di DIRECTV.
  • Contributo operativo è stato di 1,3 miliardi di dollari, in calo del 35,7% anno su anno.
  • Il reddito operativo era di 1,3 miliardi di dollari, in calo del 32,7% anno su anno, a seguito dei continui investimenti in HBO Max, nonché del lancio di CNN+ alla fine del trimestre e dei costi incrementali di compartecipazione alle entrate pubblicitarie. 
  • Il margine di utile operativo è stato del 15,1%, rispetto al 23,0% del trimestre di un anno fa.
  • Alla fine del trimestre, c’erano 76,8 milioni di HBO Max e HBO abbonati . Global HBO Max e HBO gli abbonati sono aumentati di 12,8 milioni anno su anno e sono aumentati di 3,0 milioni in sequenza, principalmente guidati dai guadagni degli abbonati al dettaglio internazionali e nazionali che riflettono la forza della lista di programmazione. Alla fine del trimestre, c’erano 48,6 milioni di HBO Max e HBO abbonati contro 44,2 milioni nel trimestre di un anno fa, in aumento di 4,4 milioni anno su anno. 

Quali sono le prospettive per AT&T?

Iniziamo col dire che il titolo T è attualmente sottovalutato e potrebbe essere pronto per un rally nei prossimi trimestri. Quali sono i catalizzatori capaci di portare il titolo in alto ? 

Il primo punto da notare è che AT&T ha ricevuto più di 40 miliardi di dollari in contanti dalla transazione di spin-off. Il buffer di cassa consentirà ad AT&T di ridurre la leva finanziaria. Un bilancio più pulito avrà un impatto positivo sul sentimento del mercato per il titolo.

Per il quarto trimestre del 2021, il segmento delle comunicazioni dell’azienda ha registrato un fatturato di 30,2 miliardi di dollari. Per lo stesso periodo, l’utile rettificato prima di interessi, tasse, deprezzamento e ammortamento (EBITDA) è stato di 10,6 miliardi di $ . Ciò implicherebbe un potenziale EBITDA annualizzato di 40 miliardi di dollari. Il segmento delle comunicazioni è quindi posizionato per fornire flussi di cassa sani.

Per il 2022, AT&T ha fornito una guida al consolidamento (pre-spin-off) di 22 miliardi di $ di flussi di cassa liberi (FCF) . Con il contributo FCF di WarnerMedia stimato in 3 miliardi di dollari, il segmento delle comunicazioni ha una solida visibilità FCF. C’è anche un motivo per un rinnovato rialzo dei dividendi una volta che AT&T avrà raggiunto il suo obiettivo di deleveraging (riduzione del rapporto debito/capitale) .

Vale anche la pena notare che gli abbonati telefonici e fibra post-pagati di AT&T hanno registrato una tendenza al rialzo. Tra il 2016 e il 2020, AT&T ha investito oltre 105 miliardi di dollari nella sua rete wireless e wireline. È probabile che gli investimenti producano risultati sotto forma di crescita degli abbonati nei prossimi anni.

Lo spin-off della divisione media per AT&T sembra essere arrivato al momento giusto per gli investitori rialzisti nel segmento delle comunicazioni poiché il crollo delle azioni Netflix , avvenuta dopo la perdita di 200.000 abbonati, ha portato giù tutto il settore. Il titolo T è rimasto praticamente fermo in zona 20$ mentre Warner Bros. Discovery è scesa di circa il 10% a causa dei sentimenti negativi del settore.

 

Il titolo T vedrà probabilmente un aumento dell’interesse degli investitori istituzionali e successivamente anche dei retail grazie agli ultimi dati finanziari, al potenziale aumento di entrate date dai grossi investimenti soprattutto nel 5G e dalle manovre societarie che stanno plasmando la società a seconda delle richieste di mercato. Il nostro obbiettivo nel medio termine (prossimi 12-18 mesi) è in zona 26$ ; ciò implicherebbe un potenziale rialzo di circa il 30% rispetto agli attuali livelli. 

Se guadagni con le nostre NEWS e ARTICOLI , fai una donazione per sostenerci e per darci l’entusiasmo di continuare nel nostro progetto.

Il sito è per te gratuito ma se vuoi offrirci una birra , uno spumante o una cena : saremo contentissimi! GRAZIE! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Subscribe to Social NETWORK

MaXiacO & MLego © 2021. All rights reserved.

* Il contenuto e le informazioni pubblicate da altogain.it sia sul nostro sito che sulle nostre piattaforme social non sono consigli di investimento o raccomandazioni per acquistare, detenere o vendere titoli.

* Non siamo responsabili dell’autenticazione del contenuto e / o delle informazioni che sono state pubblicate su qualsiasi canale di comunicazione attraverso il quale il nostro team condivide i contenuti.

* Le informazioni fornite dal team di Altogain.it sono intese esclusivamente a scopo informativo e sono ottenute da fonti ritenute affidabili. Le informazioni non sono in alcun modo garantite e, inoltre, l’accuratezza e la legittimità delle informazioni fornite non vengono verificate. Nessuna garanzia di alcun tipo è implicita o possibile laddove si tentino proiezioni di condizioni future relative ai titoli.

* Non ci sono membri del team di Altogain.it registrati come broker di sicurezza o consulenti per gli investimenti.

* Il team di Altogain.it, i suoi dipendenti, volontari e terze parti prendono parte alle attività di security trading. Nessuno è tenuto a partecipare all’acquisto o alla vendita di opportunità di investimento condivise su nessuna delle piattaforme di Altogain.it. Detti dipendenti, volontari e terze parti investiranno e scambieranno titoli a loro discrezione personale senza preavviso, in qualsiasi momento.
* Altogain.it non è responsabile per eventuali perdite o danni derivanti dall’utilizzo di una qualsiasi delle idee o strategie di investimento.

* Spetta completamente alla discrezione dell’individuo prendere decisioni in merito al trading o all’investimento in titoli.